CEPRANO - ANGUILLARA SABAZIA... Dalla Ciociaria all'Alto Lazio... Incontro di culture...

Lo scorso 13 luglio questa Proloco, con il prezioso contributo dell'Amministrazione Comunale di Anguillara Sabazia guidata dal Sindaco Sabrina Anselmo, ha organizzato a favore del Centro Anziani di Ceprano (FR), una gita turistica riguardante le bellezze paesaggistiche, naturali, d'arte e culturali di Anguillara Sabazia e del suo territorio. In particolare il giro turistico ha riguardato il centro storico, il palazzo baronale, il molo, l'escursione in Battello sul lago di Bracciano ed infine la visita guidata al Museo Storico A.M. di Vigna di Valle. I soci del Centro Anziani hanno molto apprezzato il giro turistico proposto, esprimendo particolare stupore e meraviglia per le bellezze naturali e paesaggistiche di Anguillara, nonché per la spettacolarità e l'unicità delle opere d'arte del palazzo baronale. Alla fine della visita questa Proloco ha donato al Centro Anziani un oggetto ricordo e, per conto del Comune, la guida turistica di Anguillara Sabazia.

Per il buon esito dell'evento si ringrazia in particolare l'Assessore alla cultura e al turismo del Comune, il gestore ed il personale del Battello di Anguillara Sabazia e l'Amministrazione ed il personale del Museo Storico A.M., che nella circostanza hanno tutti mostrato una squisita, gentile, utilissima e fattiva collaborazione.-

Proloco Anguillara Sabazia, lì 13 luglio 2019

Viva San Biacio, Patrono di Anguillara Sabazia
........CONTINUA DALLA HOMEPAGE..........

......un nuovo periodo di prigionia, fu gettato in un lago, dal quale uscì salvo, quindi per ordine dello stesso giudice, subì il martirio decapitato insieme con due fanciulli e dopo l'uccisione di sette donne arrestate perché raccoglievano le gocce di sangue che scorrevano dal corpo dello stesso martire, durante il suo supplizio. E' stato innalzato alla dignità di santo ed è invocato contro i mali di gola, perché durante la sua prigionia, guarì miracolosamente un ragazzo che aveva una lisca di pesce conficcata nella trachea.
E' Patrono, oltre che di Anguillara Sabazia, di Maratea, città che ne conserva le reliquie. Secondo la tradizione, queste, insieme a quelle di san Macario, giunsero a Maratea nel 732, quando una nave proveniente da un porto orientale, si arenò a causa di una tempesta presso l'isolotto di S. Janni. Gli abitanti del Castello raggiunsero l'imbarcazione per portare soccorso e vi trovarono oltre l'equipaggio, le sacre reliquie conservate in un urna marmorea, che fu portata in cima al monte dove rimase custodita.
San Biagio è ricordato dalla chiesa il giorno natale, cioè il 3 febbraio, quando fu decapitato.

Proloco Anguillara Sabazia, lì 3 febbraio 2020